Archivi categoria: Estate

Dolomiti, ripartiAMO

Trail runner sulle Dolomiti
💚 #quellocheamo

Dolomiti: l’emergenza Covid-19 ha portato tanta insicurezza e perplessità con se. In Alto Adige da alcuni giorni ha iniziato la fase 2. Cosa questo significhi di preciso rimane un grande punto interrogativo.

Passo dopo passo stiamo riconquistando la nostra libertà. Aziende e negozi possono finalmente riaprire le proprie porte e la vita sociale si rimette pian piano in moto.
Parrucchieri e studi di bellezza dovranno pazientare ancora per qualche settimana, quindi rimarremo ancora un po’ con i capelli all’aria.
La situazione per i rifugi ed alberghi invece? Ancora non c’è risposta precisa, ovvero si parla di qualche data, ma si stanno ancora valutando le disposizioni per la riapertura.

Alla Holimites vogliamo cogliere questo “nuovo inizio” come un’opportunità e trarne i lati positivi. Se il piano A non funziona, abbiamo il in riserva il piano B, e se anche qui troveremo altri ostacoli lungo la strada, ci resteranno comunque le altre 24 lettere dell’alfabeto.

Una cosa è certa: la vita dopo Covid-19 non sarà più la stessa. Un pensiero che ci mette paura, dovendo affrontare situazioni alle quali non siamo abituati.

Qualità prima di quantità – le Dolomiti offrono spazio a non finire

Panorama mozzafiato sullo spazio delle Dolomiti
Le Dolomiti offrono spazio a non finire

A noi e ai nostri ospiti non serve altro!
Strade e luoghi affollati si possono evitare facilmente sulle Dolomiti, questo ci permette di mantenere le distanze di sicurezza con facilitá. Eppure siamo consapevoli che la stagione estiva in arrivo sarà straordinaria. Straordinario non per forza deve significare peggio, semplicemente diverso.

Ogni singolo ospite sarà coccolato. Filo conduttore che da tempo viene utilizzato nelle piccole aziende di famiglia. Non c’è “l’ospite della camera 111”, bensì Signora Rossi, Famiglia Bianchi e siamo certi che alla fine della vacanza sarà Maria, Paolo e Sofia.

È arrivato il tempo di valorizzare le piccole cose!

Non facciamoci togliere la spensieratezza e la gioia di trascorrere le nostre vacanze nelle Dolomiti. Alla fine è solo questione di dare alle cose una nuova percezione di valore.

Focalizziamoci su tre semplici cose

Sulla voglia di avventura e di spontaneità: sappiamo che le cose più belle accadono sempre per caso. Lasciamoci trasportare e viviamo la vita giorno dopo giorno. Smettiamo di programmare tutto alla perfezione e iniziamo a goderci la giornata.

Bambina che riempie la sua borraccia da una fontana in montagna
L’acqua piú buona esce direttamente dalla sorgente
L'alba sulle Dolomiti d'estate
Le Dolomiti sono uniche

Sulla sostenibilità: aumentiamo la nostra qualità di vita. Prestiamo attenzione alla qualità delle cose. Trattiamo le nostre preziose risorse con cura e rispetto. Proviamo a fare di più per noi stessi e la natura. Ad esempio, perché non fare a meno delle bottigliette d’acqua in plastica? L’acqua migliore (e più sostenibile) delle Dolomiti viene direttamente dal rubinetto.

Sull’autenticità e sul desiderio di andare sempre più nella direzione del voler essere e non apparire. Mettiamo le carte in tavola. Le Dolomiti sono uniche e meravigliose. Aspetta a noi amarle per quello che veramente sono. Non proviamo a volerle cambiare e adattare alle nostre esigenze con l’obiettivo di farne un Luna Park.

Per scoprire come noi le viviamo le nostre Dolomiti, applicando questi tre punti non c’è avventura piú bella che viverle durante uno dei nostri trekking da rifugio a rifugio, come si dice in inglese “back to the roots”!

Il magico potere delle erbe dolomitiche

Sciroppo di abete rosso:
il potere curativo delle erbe dolomitiche

Le erbe dolomitiche: lo sciroppo di abete rosso (Picea abies) è un rimedio naturale tradizionale. Aiuta contro la tosse grassa, bronchite, sinusite, catarro e mal di gola. Questo sciroppo, grazie alla sua proprietà espettorante, aiuta a liberare le vie respiratorie dagli accumuli di muco.
Le gemme di abete rosso contengono olii essenziali, resine e molta vitamina C. Queste proprietà fanno sì che queste gemme diventino un eccellente materiale di partenza per i rimedi naturali fatti in casa.

Le gemme di abete rosso vengono raccolte in primavera, non appena germogliano di un colore verde chiaro. La raccolta di queste erbe dolomitiche viene fatta quando la luna è crescente, così la forza della pianta si concentra nei rami e negli aghi.

Erbe dolomitiche: gemme di abete rosso
Gemme di abete rosso: è ora di raccoglierle

Ricetta

  • 200g gemme di abete rosso
  • 400g zucchero di canna
  • barattolo di vetro capiente

Lavate le gemme di abete rosso e lasciatele scolare. Disponete un primo strato di gemme all’intero del barattolo e ricoprite tutto con dello zucchero di canna. Gli strati fatti da gemme dovrebbe essere più alti degli strati di zucchero. Procedete in questo modo fino all’esaurimento delle gemme terminando con un abbondante strato di zucchero.
Chiudete bene il barattolo di vetro e lasciatelo in un luogo soleggiato. Non appena le gemme diventano marroni e lo sciroppo si è depositato, è pronto (dura ca. 3-4 settimane).
Filtrate lo sciroppo e travasatelo nei vasetti. Conservate lo sciroppo in luogo fresco e buio.
I preziosi oli essenziali e le vitamine rimangono nello sciroppo di abete rosso e possono quindi essere somministrati in autunno/inverno.

Barattolo con degli strati di gemme di abete rosso e strati di zucchero di canna
Uno starto di gemme di abete rosso e uno strato di zucchero di canna

Consiglio di somministrazione: 1 cucchiaio 3-4 volte al giorno

Variante:
Può essere usato del miele al posto dello zucchero di canna.
Si possono aggiungere dei fiorellini di primula o del timo alle gemme di abete rosso. I fiori appoggiano l’abete rosso a guarire i polmoni da un raffreddore.

Durante il trekking “I sapori della natura” si va alla scoperta delle erbe aromatiche e dei sapori delle Dolomiti. Dai un’occhiata se ti interessa saperne di più.

La vacanza in bici fai-da-te sulle Dolomiti

Il detto “squadra vincente non si cambia” lo conosciamo tutti e senza ombra di dubbio l’offerta dedicata alla vacanza in bici sulle Dolomiti piú gettonata dai nostri clienti era la nostra ormai ex proposta “Noleggia – Pedala – Rilassati”.

Abbiamo tolto il superfluo ed abbiamo lasciato il meglio

Dopo quattro stagioni di onorato servizio abbiamo però deciso di fare un po’ d’ordine fra tutte le nostre proposte per la bici da strada. Come quando si cucina un buon brodo fatto in casa, abbiamo messo tutto nel pentolone, cotto a fuoco lento, mescolato e ne abbiamo poi scolato l’essenza

Il risultato? Una vacanza in bici sulle Dolomiti su misura

Ecco che abbiamo nel piatto la nostra nuova proposta: la vacanza in bici fai-da-te sulle Dolomiti che raccoglie tutti i servizi più usufruiti dai nostri amici ciclisti alla conquista dei passi dolomitici.
Questo pacchetto si può prenotare direttamente online, scegliendo il periodo desiderato, l’albergo partner e tutti i servizi che preferisci e che più ti interessano.

Bici da strada sul Passo Campolongo con il Sassongher sullo sfondo
Vacanza in bici da strada sulle Dolomiti

Sono rimasti invariati i servizi più apprezzati come

  • il servizio di lavanderia gratuito presso le strutture prenotate
  • il supporto con pulmino a chiamata in caso di mal tempo o problema meccanico

Sono diventati facoltativi i servizi come:

  • noleggio della bici da corsa
    Puoi lasciare la tua adorata a riposare a casa. Holimites ti metterà a disposizione bici da corsa Colnago configurate al top. Pagherai solo le spese di messa in strada e pulizia.
  • le uscite in bici in gruppo oppure individuali
    3 volte a settimana ti aspettano uscite in gruppo di vario livello sui passi dolomitici.
    La Sellaronda, il Passo Furcia e il Passo Fedaia.
  • le gite per scalare il Passo Stelvio o lo Zoncolan
    Si tratta di una gita individuale giornaliera sulle salite piú famose d’Europa
  • Maratona dles Dolomites “Every Day”
    Il nostro staff vi seguirà sul percorso della Maratona dles Dolomites con il pulmino Holimites.
Strada sul Passo Valparola
Passo Valparola

Se ti è venuta voglia di prenotare subito la tua vacanza in bici sulle Dolomiti clicca qui e prenota direttamente online.

La mia prima Maratona delle Dolomiti

Maratona dles Dolomites – dal Passo Falzarego al Passo Valparola

In quel primo di aprile pensavo fosse tutto uno scherzo… Invece NO, era la mia conferma d’iscrizione alla Maratona delle Dolomiti 2019. Non essendo mai salita su una bici da strada mi sentivo come… un pesce fuor d’acqua, ma anche tanto fortunata di poter partecipare a questo grande evento ciclistico.

Dopo le prime uscite con Igor e Susi, ho capito che questo sport iniziava a piacermi e quindi ho proseguito con gli allenamenti, anche perché non c’era via di scampo. 🥵

Maratona dles Dolomites – ore 06:32 – partenza da La Villa – Alta Badia

Partenza alle ore 06:30 da La Villa

Finalmente è arrivato il grande giorno, il 07 luglio! Alle 05:15 eravamo già in griglia, pronti ad affrontare questa sfida. Sentivo l’adrenalina che saliva, l’unione alle altre 9.000 persone, tutte con lo stesso obiettivo, e cioè quello di pedalare insieme, sì, di fare fatica, ma anche di divertirsi sui magnifici passi dolomitici. Che dire… un’emozione fortissima!

Ogni passo ha il suo fascino: il silenzio sul Passo Campolongo, le melodie dei corni alpini sul Passo Pordoi, i campanacci fassani che ti danno energia per affrontare il Passo Sella, sul Passo Gardena musica e tradizione tirolese. Insomma una festa che diventa sempre più vivace. Dopo la Sellaronda le gambe iniziano a sentire la fatica, mancano il Passo Campolongo, il Passo Falzarego e il Valparola. Ma tirata dalla folla di ciclisti entusiasti riesco ad affrontare anche questa parte. Ed ecco la salita più temuta… il famoso “Mür dl Giat” 🐈 con una pendenza massima del 19%, più facile affrontarlo con una piccola spintarella 🤪

Maratona dles Dolomites – la salita al Passo Pordoi

Raggiunto il traguardo ero felicissima e soddisfatta di essere riuscita a percorrere il giro medio della Maratona.

Spero di poter rivivere quest’esperienza in futuro e ringrazio Igor di avermi dato questa possibilità!!!

Marina 🚵🏻‍♀️

Passo Campolongo: Ridi, ridi!

Cosa ci sará da ridere con tutta ‘sta fatica?!!

Holimites non nasconde la passione per il ciclismo su strada che l’ha portata ad essere da ormai 10 anni il tour operator ufficiale della Maratona dles Dolomites-Enel.
Holimites, inoltre, ha raggiunto la maggiore etá il 21 dicembre 2018.
Questo significa che adesso ci é permesso fare quasi tutto quello che vogliamo!
Intanto iniziamo con il celebrare questo momento assieme ai nostri ‘colleghi’ ciclisti.

Quindi ecco a i cappellini da ciclista dedicati alle salite della Maratona dles Dolomites-Enel!!

Passo Campolongo:

Cappellino Passo Campolongo cycling cap

Cappellino Passo Campolongo cycling cap

Un cappellino divertente con un’esclamazione diversa per ogni Passo. Li puoi scoprire tutti da ora fino alla data della Maratona dles Dolomites-Enel, il 07 luglio 2018.

Il primo cappellino non poteva che rappresentare il Passo Campolongo con i suoi 1.875m di fascino. Il primo Passo scalato durante la Maratona e durante il quale i ciclisti, ancora tutti freschi ridono. E già ridi, ridi, che al secondo passaggio al Campolongo tutto cambierá! Ha Ha

I cappellini sono disponibili ed acquistabili nel nostro shop on-line

E il prossimo cappellino? A quale Passo sarà dedicato?
Seguici che ti aspettiamo sul “Pordoi”!

Cappellino Passo Pordoi cycling cap

Cappellino Passo Pordoi cycling cap